Young Cobblepot

Raccontami una Storia

Raccontami una Storia è un gioco di carte per 3-8 giocatori che insieme potranno inventare fantastiche favole. Chi sarà il vostro eroe? Un’astuta strega oppure un saggio maialino parlante? Dove l’avventura lo condurrà, su un’innevata montagna oppure nel pollaio? Quale sarà la sua missione? Chi intende mettergli i bastoni tra le ruote?
Preparatevi a inventare un’avventura mai ascoltata prima d’ora. Questa sera gli autori sarete voi!

L’obiettivo di questo gioco è quello di inventare la migliore favola possibile. Durante ogni partita i partecipanti racconteranno una storia con l’aiuto delle Carte Storia, che rappresentano Personaggi, Oggetti, Caratteristiche, Luoghi e Azioni. Ogni volta che un elemento si aggiunge alla storia, il giocatore che ha contribuito con la propria carta guadagnerà un Gettone Vittoria. Il giocatore che al termine della partita ha più punti, sarà il vincitore.

Al centro di questo gioco, creato da Gabriele Mari per la linea Young Cobblepot, non c’è certo la competizione fra i giocatori, bensì il piacere di creare e dare vita ad un racconto condiviso che prende forma e si sviluppa con il contributo di tutti. Seguendo uno schema facile ed intuitivo indicato dalle Carte Narratore, fedeli allo schema della fiaba elaborato dallo studioso russo Vladimir Propp, è possibile partecipare alla creazione della storia in maniera semplice e guidata fino al… lieto fine!

– Tommaso Battimiello
Ufficio Stampa Cobblepot Games

Acquista il gioco qui.

Scheda Tecnica

Raccontami una Storia: Fiabe
un gioco di: Gabriele Mari
Editore: Pendragon Game Studio
Sviluppo e Produzione: Jonathan Ying
Sviluppo addizionale: eNigma.it
Produzione addizionale: Silvio Negri-Clementi e Giacomo Santopietro
Responsabile Grafico: Brian Schomburg
Grafica: Davide Corsi, Demis Savini, Christopher Hosch con Duane
Nichols e Samuel Shimota
Illustrazione di copertina: Simon Eckert
Illustrazioni interne: Sumi Illustrator con Gianluca Santopietro
Art Director: Andy Chirstensen
Responsabile Produzione: Megan Duehn e Simone Eliott